images

 

La Carta “Môm’Art” è stata scritta da genitori e visitatori dei musei che amano accompagnarvi i bambini. Il suo scopo è di aiutare i musei e i luoghi culturali a migliorare l’accoglienza dei loro servizi per le famiglie.

Firmando la Carta, il museo s’impegna a fare il massimo per soddisfare la sua missione d’accoglienza verso i bambini e le famiglie.

Il museo sottoscrive la carta dei Dieci diritti del piccolo visitatore, e la rende visibile a tutti all’ingresso del museo.

1

Il museo è un luogo accogliente.

Ci si viene accolti con un benvenuto e un sorriso: i bambini ci si devono sentire bene e non intimoriti. (1)

Il museo mette in evidenza sia ciò che i bambini possono fare che quello che è vietato.

I dieci diritti del piccolo visitatore sono esposti bene in vista  al punto di accoglienza. (2)Poster 10 diritti del piccolo visitatore

2

Il museo mette la cultura alla portata di tutti con strumenti adatti. Propone percorsi di qualità accessibili per adulti e bambini (ad es.: spegazioni di opere con due livelli di lettura) e strumenti didattici e ludici specifici: libretti per giovani, percorsi numerici, kit d’attività, materiale per giocare e manipolare… (3)

3

Il museo propone un programma di attività per le famiglie durante l’anno. Al punto di accoglienza vengono poste alle famiglie alcune domande allo scopo di fornire informazioni mirate: Abitano nella regione? Sono turisti di passaggio? … cosi da proporre, se del caso, il programma annuale delle attività o i laboratori per famiglie.

4

Il museo consentele fotografie (4) e il quaderno da disegno.

I bambini sono spesso eccellenti reporter e la fotografia permette di fissare le scoperte per portarle con sé e prolungare a casa le attività del museo.

5

Il museo comunica gli eventi e i servizi sui social e divulga le informazioni pratiche sul suo sito internet per preparare la visita. Sul sito, uno spazio sarà dedicato ai bambini per permetter loro di giocare e scoprire l’universo del museo e le sue collezioni.

6

Nel museo è consentito l’uso dei passeggini.

7

Il museo dispone di uno spazio dove si può mangiare o fare un picnic.

8

I museo favorisce gli scambi fra i bambini e i genitori o nonni, installando degli spazi ludico-educativi, per potere giocare, imparare e scoprire l’arte insieme.

9

I visitatori, piccoli e grandi, hanno anche le loro idee.

Il museo autorizza e incoraggia i volontari (amici dei musei, studenti, appassionati, visitatori…) a fare delle proposte per nuove esperienze al museo, e per sviluppare il campo della mediazione culturale.

Un libro d’oro invita i visitatori a dare i  loro suggerimenti.

10

Il museo si rivolge anche ai 13-16enni proponendo degli appuntamenti, non solo nel tempo scolastico.

Siete un museo, un luogo culturale… e volete sviluppare un’accoglienza e servizi culturali di qualità per bambini e le loro famiglie?

(1) I bambini e i genitori devono essere ben educati. (2) non si può mettere dello Scotch sui muri. (3) si deve avere cura del materiale. (4)  quando le opere sono di dominio publico e senza flash naturalmente!

Contattateci per più informazioni!

I musei che firmano la Carta si avviano ad adottare un approccio attivo di qualità verso i giovani visitatori e le famiglie. Non è obbligatorio, talvolta non possibile, di soddisfare tutti gli impegni della Carta. Non esitate a contattarci.

Compilate il modulo, sarete contattati dalla nostra associazione appena possibile.

E anche possibile mandare un messaggio a sophie.cordhomme@mom-art.org

[contact-form-7 id=”221″ title=”formulaire”]

 


Commentaire

La Carta in italiano — Pas de commentaire

  1. Ping :Sogno o realtà: come deve essere un museo a misura di bambini?

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.